HomeComunicatiCaporalato. Cinque arresti in aziende venete, Flai Cgil: “Sconfiggerlo è assoluta priorità”

Caporalato. Cinque arresti in aziende venete, Flai Cgil: “Sconfiggerlo è assoluta priorità”

L’operazione ‘Polvere di Stelle’ contro il caporalato in Veneto condotta dai carabinieri del Gruppo tutela lavoro di Venezia e dal nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro di Vicenza, finisce con l’emissione di una quinta misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un cittadino di nazionalità marocchina. Sono complessivamente 5 le misure eseguite dal novembre 2020 nei confronti di altrettanti soggetti, tre di nazionalità marocchina, uno albanese e una donna italiana, ritenuti responsabili dei reati di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento del lavoro nei confronti di decine di cittadini marocchini, alcuni dei quali irregolari sul territorio nazionale. Coinvolte tre aziende agricole della bassa padovana, due del basso vicentino e una trentina nel veronese. “L’operazione – spiega Giosuè Mattei, Flai Cgil Veneto – nasce da segnalazioni molto dettagliate, fatte dal nostro sindacato tra aprile e maggio 2019. Tra i destinatari del provvedimento cautelativo anche una consulente del lavoro vicentina, che con le sue conoscenze aiutava gli altri indagati a sfruttare i lavoratori. Il modus operandi era quello classico: la costituzione di cooperative spurie che facendo leva sulla condizione di bisogno di lavoratori extracomunitari li costringeva con il ricatto a orari di lavoro insostenibili, li sottopagava, facendoli vivere in condizioni abitative indegne di un paese civile. Questo è il classico esempio di caporalato 4.0, favorito e reso più difficile da smascherare da professionisti che si prestano a questa pratica illegale”. “Per la Flai Cgil – sottolinea Davide Fiatti, segreteria nazionale – la lotta allo sfruttamento e al caporalato è un’assoluta priorità. Gravissimo il coinvolgimento di colletti bianchi ad agevolare le attività dei caporali. Il ricco nord est sta scoprendo che nessun settore produttivo è immune da questo odioso fenomeno. Il sindacato è e sarà sempre al fianco di tutti i lavoratori sfruttati”. 

 

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...