HomeComunicatiAlival-Nuova Castelli. FAI-FLAI-UILA: tavolo al Mise per continuità produttiva e occupazionale

Alival-Nuova Castelli. FAI-FLAI-UILA: tavolo al Mise per continuità produttiva e occupazionale

“Dopo un mese dalla richiesta di convocazione urgente del tavolo di crisi, dal Mise riceviamo il primo segnale di riscontro alle legittime istanze degli oltre 150 lavoratori e lavoratrici direttamente impiegati negli stabilimenti Alival di Reggio Calabria e Ponte Buggianese, di cui è stata annunciata la cessazione attività nei prossimi mesi”. 

 

Lo dichiarano in una nota Fai, Flai e Uila in merito alla vertenza Alival- Nuova Castelli del gruppo Lactalis. 

 

L’accorato appello di affidare la gestione della crisi ad un tavolo nazionale è stato sostenuto fortemente anche dalle Regioni Calabria e Toscana. Siamo convinti che il tavolo nazionale assicuri una gestione finalizzata ad individuare ogni possibile soluzione utile a salvaguardare occupazione e continuità produttiva. 

 

La convocazione in ristretta delle segreterie nazionali e dell’azienda da parte del Mise del 6 giugno deve rappresentare il primo passo per individuare un percorso orientato alla ricerca di tutte le possibili soluzioni finalizzate alla continuità produttiva ed occupazionale del gruppo Alival, 

con l’obiettivo anche di spingere Lactalis a presentare un vero piano industriale di tutto il gruppo Castelli, doveroso ad oltre due anni dall’acquisizione. 

 

Sottovalutare le ripercussioni sociali che deriverebbero dalla chiusura degli stabilimenti coinvolti è una grave responsabilità che contrasteremo assumendo tutte le necessarie iniziative di protesta. 

 

Il Coordinamento unitario di Fai Flai Uila ribadisce che qualora non ci sia la volontà politica del Mise di coordinare questa complicata situazione attiveranno tutte le iniziative necessarie a partire da un presidio presso il Ministero dello Sviluppo Economico. 

Articoli correlati

Agricoltura. Fiatti: bene PAC Italia, insieme a condizionalità sociale deve creare buona occupazione

“Una buona notizia per il settore agricolo il via libera della Commissione europea al Piano Strategico Nazionale dell'Italia sulla Politica agricola comune (Pac), con un sostegno di oltre 35 miliardi di euro, tra contributi...

MEMORIA 2 Dicembre 1968. I fatti di Avola: la polizia spara sui braccianti

Sono all’undicesimo giorno di sciopero i braccianti siracusani e l’intervento armato della polizia altro non è che il tentativo delle forze agrarie di spezzare il movimento rivendicativo, di dare una lezione a tutti i...

6 e 7 dicembre a Roma seminario finale del progetto Di.Agr.A.M.M.I. di Legalità al centro-nord

In 30 mesi di attività di contrasto al caporalato e allo sfruttamento dei lavoratori migranti in agricoltura, ha aiutato oltre 20mila persone Si terrà il 6 e 7 dicembre 2022 nel Centro Congressi Roma Eventi...

Flai Cgil, altri nove bancali di cibo al Vaticano, solidarietà concreta per chi non arriva a fine mese

L’aumento sempre più marcato delle diseguaglianze, evidenziato da tutti i centri di ricerca, rende indispensabili interventi di solidarietà concreta. Contro vecchie e nuove povertà servono risposte decise, va in questa direzione la consegna da...

Agricoltura: BioAs e Osservatorio Placido Rizzotto insieme per contrastare concretamente il caporalato e ogni forma di sfruttamento

Per fermare il caporalato e lo sfruttamento in agricoltura le leggi sono importanti ma ci vogliono azioni concrete.  L’accordo siglato ieri tra l’Osservatorio Placido Rizzotto e BioAs (Associazione Nazionale Bio Agricoltura Sociale), va proprio in...