25 giugno Manifestazione nazionale FAI-FLAI-UILA a Bari. Al via anche mobilitazione su forestali

Sindacati in corteo a Bari il 25 giugno, per dire no al caporalato e rilanciare la centralità della contrattazione nella lotta allo sfruttamento del lavoro in agricoltura. Lo hanno deciso le Segreterie di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil riunitesi ieri a Roma. I tre sindacati di categoria manifesteranno a Bari per rilanciare le proprie proposte e far sì che Governo e istituzioni accelerino l’approvazione del Ddl 2217, varato a novembre e fermo in Senato. All’iniziativa nazionale unitaria interverranno i tre Segretari generali insieme a lavoratori ed esponenti della società civile. La manifestazione ha anche la finalità di incalzare le associazioni datoriali di fronte alla necessità di chiudere, presto e bene, i negoziati sui Cpl.
“Vogliamo lanciare un messaggio chiaro e forte al Governo e al Parlamento – affermano in una nota congiunta Luigi Sbarra, Ivana Galli e Stefano Mantegazza alla guida rispettivamente di Fai, Flai e Uila – e dire che il tempo degli annunci è finito. Si individui una corsia preferenziale per il provvedimento, o ci troveremo presto di fronte a nuove vittime dello sfruttamento, della violenza, di vere e proprie forme di schiavismo”. Piaga alla quale bisogna rispondere con le ispezioni e il rispetto delle leggi, ma anche puntando ad innalzare la qualità del lavoro agricolo attraverso il coinvolgimento attivo delle parti sociali”.
Occorre perciò dare “funzioni territoriali alla Cabina di regia istituita presso l’Inps e rafforzare la Rete del lavoro agricolo di qualità, con l’attivazione di specifiche funzioni sul territorio e l’introduzione di misure premiali per le imprese in regola con il Ccnl e i Cpl”. Centrale resta infatti “il ruolo della contrattazione decentrata e della bilateralità contrattuale, leve insostituibili per innalzare la qualità del lavoro”.
La manifestazione è stata decisa nell’ambito di una riunione in cui Fai, Flai e Uila hanno preso impegni comuni anche sulla necessità di rilanciare l’azione contrattuale consolidando le posizioni unitarie sui tavoli di rinnovo ancora aperti: dai Consorzi di bonifica alla panificazione; dall’ artigianato alimentare ai consorzi agrari; dagli impiegati e le cooperative agricole alla cooperazione pesca. Fondamentale inoltre riconquistare il tavolo dell’Associazione allevatori e quello dei forestali.
Per quanto riguarda il comparto Forestazione, in particolare, si è convenuto sulla necessità di innalzare il livello della mobilitazione, per far ripartire un confronto che porti al rinnovo di un contratto scaduto ormai da quattro anni. “Abbiamo chiesto ufficialmente al ministro Martina e al Presidente della conferenza della Regioni Bonaccini di sbloccare l’assurda condizione che priva il tavolo della trattativa di una controparte pubblica. Ci auguriamo che nell’incontro convocato per mercoledì 8 giugno dal Presidente Bonaccini si possa colmare un vuoto che di fatto nega ai lavoratori del settore il diritto alla contrattazione. Questa mancanza è semplicemente vergognosa e non può più essere tollerata. In assenza di risposte celeri, già da luglio siamo pronti ad avviare iniziative di lotta e mobilitazione”, concludono i Segretari generali di Fai, Flai e Uila.

Articoli correlati

Rinnovo Ccnl cooperazione agricola, si tratta per aumentare diritti e tutele

Fai, Flai e Uila in riunione per il nuovo contratto, in calendario ulteriori confronti in sede tecnica e una plenaria entro il mese di maggio Un...

Agricoltura, alla vigilia del voto europeo si ‘semplifica’ la Pac con i datoriali senza consultare i sindacati

Coinu, Flai Cgil: “Gravissime le responsabilità del Commissario Wojciechowski rispetto al tentativo di affossamento del Green Deal” In queste ore Janusz Wojciechowski, Commissario Europeo all’Agricoltura,...

“Radici del passato, sguardi al futuro”, lunedì 8 aprile a Roma l’iniziativa per i vent’anni di Metes

Dal significato odierno della formazione sindacale a quello dell’insegnamento dell’italiano ai lavoratori migranti. Dal valore della ricerca per uno sviluppo sostenibile a quello dello...