Settimana degli Archivi storici delle Biblioteche e dei Centri di documentazione Cgil

In occasione dell’edizione 2016 della Settimana Nazionale degli Archivi Storici, Biblioteche e Centri di Documentazione della Cgil, che come ogni anno coincide con il compleanno della Cgil, l’Archivio Storico Donatella Turtura della Flai Cgil Nazionale ha realizzato una “mostra telematica” sul fenomeno del caporalato.

La selezione è avvenuta sui ritagli di stampa e materiali fotografici dei fondi Federbraccianti e Flai, tenendo in considerazione l’arco temporale che va dalla fine degli anni ’70 del XX secolo fino ai nostri giorni. L’intento è quello di mettere in rilievo l’azione della Categoria, le vertenze, i momenti di lotta e i risultati raggiunti.

Nella selezione, si è ritenuto opportuno dare una maggiore attenzione ai principali soggetti coinvolti dal fenomeno: le donne ed i migranti. In particolar modo si mette in evidenza un cambiamento che si riscontra nella categoria “lavoratori migranti”. La manodopera migrante di ieri si può definire interna: non varcava confini nazionali, si migrava da Sud a Nord dell’Italia per le raccolte stagionali. Oggi i lavoratori migranti provengono dall’estero e, seguendo le stagioni di raccolta, sono protagonisti di un doppio migrare: prima dai loro paesi, poi all’interno dell’Italia. Cambia la provenienza, dunque, ma restano i problemi legati ai diritti negati, allo sfruttamento, al caporalato, agli alloggi e alla tutela della salute.

C’è sempre un “diverso” che arriva, che deve essere accolto e soprattutto tutelato.

 

Settimana degli Archivi storici delle Biblioteche e dei Centri di documentazione Cgil