Sanpellegrino. Flai Cgil, sottoscritto Integrativo di gruppo. Risultato positivo

“È stato sottoscritto nel pomeriggio di venerdìil rinnovo dell’accordo integrativo di Gruppo Sanpellegrino per il triennio 2015-2017”. Lo comunica in uno nota la Flai Cgil.

“Tra i punti qualificanti l’istituzione di commissioni bilaterali sia nazionali che di sito per approfondire singole tematiche, quali, ad esempio, la definizione di percorsi formativi rivolti ai componenti del coordinamento nazionale per comprendere sempre meglio tematiche del business di riferimento per creare una partecipazione più consapevole nelle informative annuali. Un’altra commissione bilaterale, composta da RLS, progetterà un evento annuale per promuovere la diffusione della cultura della salute, sicurezza  e del benessere sul luogo di lavoro, nella giornata del 28 aprile, ossia la “Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro” istituita dall’ILO”.

“In tema di appalti –prosegue la nota – l’accordo prevede che l’azienda renderà accessibile ai lavoratori delle aziende appaltatrici tutti i servizi aziendali messi a disposizione dei propri lavoratori. Nel capitolo Walfare èstato innalzato dal 5% al 7% il limite per sito per la trasformazione del rapporto di lavoro da full-time a part-time reversibile per le lavoratrici e i lavoratori che ne facciano richiesta per specifiche problematiche.

Per quanto riguarda il PAV (premio annuale variabile) èstato previsto un premio variabile di 7.200 €sul triennio (2.350 nel 2015, 2.400 nel 2016 e 2.450 nel 2017), che a regime porterà ad un aumento del 11,62% del messo in palio rispetto a quanto previsto dall’ultimo integrativo”.

“Anche con questo integrativo –commenta Mauro Macchiesi, Segretario Nazionale Flai Cgil – si segna un risultato positivo in un contesto economico non facile di crisi. Questo rinnovo dimostra che è possibile migliorare le condizioni di lavoro in termini di salario ma anche di sicurezza, formazione e conciliazione dei tempi di vita e lavoro”.

Ora l’ipotesi d’integrativo sarà sottoposta alla consultazione dei lavoratori.

Il testo dell’Accordo

[attachments title=”Allegati” template=small]