Rete del lavoro agricolo di qualità, insediata la cabina di regia

Dopo la riuscitissima iniziativa di Rosarno dello scorso 13 Febbraio dal titolo: “100% Qualità del lavoro. Legalità, Diritti, Dignità da Rosarno si può” organizzata da Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil contro i fenomeni del lavoro nero e del caporalato in agricoltura oggi, presso l’Inps, si è insediata la “Cabina di Regia”, strumento importante ed operativo individuato nella proposta unitaria di “Riforma del Mercato del Lavoro Agricolo” e recepita dal DL 91, convertito poi nella Legge 116/2014.

A dichiararlo sono Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil nazionali.

Le Organizzazioni sindacali agroalimentari affermano inoltre che, durante l’incontro, oltre ai complimenti, da parte di tutti, al neo Presidente della stessa Fabio Vitale (Inps) per la tempestività con cui il nuovo organismo è stato convocato, è stato ribadito il ruolo centrale dell’agricoltura italiana per l’economia del Paese.

Alla “Rete del lavoro agricolo di qualità” potranno aderire, previa istanza da presentare alla costituita “Cabina di Regia”, tutte le imprese agricole di cui all’art. 2135 del Codice Civile che non abbiano riportato condanne penali; non abbiano procedimenti penali in corso per violazioni della normativa in materie di imposte sui redditi e sul valore aggiunto; non siano destinatarie, negli ultimi tre anni, di sanzioni amministrative definitive per illetici nelle suddette materie e siano in regola con i versamenti dei contributi previdenziali ed assicurativi.

Nella “Cabina di Regia” ci sono tutti i soggetti attori protagonisti del settore (Parti Sociali, Inps, Mef, Mila, Mipaaf, Regioni e Province autonome) per operare, finalmente in modo collegiale, per la realizzazione di una vera semplificazione amministrativa per le esigenze agricole; orientare l’attività ispettiva e di vigilanza nei confronti delle imprese non iscritte alla “Rete”; confermare un principio di condizionalità, ma anche di premialità, nei confronti dei datori di lavoro che rispettano la legislazione sociale ed i contratti collettivi di lavoro.

Ad oggi, siamo in attesa della discussione sia al Senato che alla Camera, del “Collegato Agricolo”; DDL riguardante materie di semplificazione, razionalizzazione e competitività del settore agroalimentare e della pesca, con cui dovrebbero essere recepite le ulteriori parti della proposta unitaria di riforma del MdL agricolo consentendo un’articolazione territoriale della Cabina di Regia destinandole ulteriori compiti e funzioni e ampliando la platea dei soggetti che potrebbero aderire alla “Rete”.

Fai, Flai e Uila nazionali sottolineano, per concludere, che la “Cabina di Regia” sarà convocata nelle date del 2, 16 e 30 Marzo prossimo e successivamente, come da loro richiesto, in modo strutturale ogni primo lunedì (utile) di ogni mese, a decorrere da Aprile 2015.