Contrattazione, approvate linee guida FAI-FLAI-UILA su rinnovi secondo livello settore alimentare

Oltre 200 delegati, riuniti oggi a Roma per gli Attivi unitari di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil, hanno approvato le Linee guida per la definizione delle piattaforme dei rinnovi contrattuali di secondo livello nei comparti dell’Industria e della Cooperazione alimentare 2018-2021.

Nel documento si evidenziano le buone performance di comparti che, pure in un quadro macroeconomico difficile, hanno saputo reggere alla crisi, soprattutto grazie alle esportazioni.

In tale quadro, Fai-Flai-Uila si impegnano nello sviluppo di una contrattazione più inclusiva e partecipata, puntando ad estenderne l’applicazione e l’efficacia anche a quelle realtà industriali che ne sono state finora escluse.

Particolare attenzione è dedicata al tema del welfare aziendale che va sviluppato a partire dalla fiscalità di vantaggio recentemente introdotta, valorizzando la partecipazione bilaterale all’organizzazione del lavoro ed esaltando il principio del ruolo negoziale delle parti.

Le proposte di Fai-Flai-Uila saranno orientate verso un welfare sociale, previdenziale, solidale, mutualistico e inclusivo con le seguenti priorità: previdenza complementare, assistenza socio-sanitaria, sostegno alla genitorialità e alla non autosufficienza. Occorre, quindi, rafforzare il ruolo degli enti bilaterali e renderli compatibili a gestire queste forme di integrazione derivanti dagli accordi aziendali.

È necessario, inoltre, migliorare la contrattazione sui tempi di vita e lavoro e rilanciare il confronto sulla “responsabilità sociale d’impresa e sulla certificazione etica”.

Fai-Flai-Uila avvieranno, attraverso il coinvolgimento dei lavoratori e delle RSU, un percorso unitario per giungere alla definizione di piattaforme adeguate alla specifica situazione delle singole aziende e dei diversi comparti.