Consorzi di bonifica. Al via le trattative per il rinnovo del Ccnl

Nella giornata di oggi si è aperta, presso la sede dello Snebi a Roma, la trattativa per il rinnovo del Ccnl dei dipendenti dei consorzi di bonifica e miglioramento fondiario.

Ne danno notizia le Federazioni nazionali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Filbi-Uil, che sottolineano che “si tratta di un rinnovo estremamente importante, soprattutto in un periodo complesso e difficile per il settore e per il paese, come l’attuale”.

“Le recenti catastrofi naturali” aggiungono, “hanno dimostrato l’estrema fragilità del territorio italiano, provando ancora una volta l’importanza dell’attività di tutela del suolo esercitata dai dipendenti dei consorzi. Paradossalmente, negli ultimi mesi si sono moltiplicate le proposte di soppressione degli enti consortili da parte di esponenti della politica (peraltro senza indicare alcuna soluzione alternativa): questo, oltre che a ripercuotersi sull’occupazione, determinerebbe un pesante arretramento del paese nel presidio del suolo e nei servizi offerti al mondo agricolo”.

La piattaforma presentata oggi tiene conto del difficile momento economico e allo stesso tempo, si propone di migliorare le condizioni economiche e le tutele per i lavoratori.

“Il rinnovo del Ccnl è l’opportunità per rafforzare il ruolo strategico e l’efficienza dei consorzi attraverso lo sviluppo delle relazioni sindacali tra le parti e la valorizzazione delle professionalità dei lavoratori della bonifica”, concludono Fai, Flai e Filbi.

Il prossimo incontro per il prosieguo della trattativa è previsto per martedì 27 gennaio 2015.