Azienda Antonelli. Giudice ordina reintegro

“L’azienda ANTONELLI Industrie Dolciarie Spa di Labico (RM) di nuovo condannata dal giudice del lavoro di Velletri”. A darne notizia è il segretario generale della FLAI Cgil, Moranti Gianfranco.

“La Flai Cgil Territoriale non aveva firmato l’accordo sindacale del 3 giugno 2014 perché non teneva conto dei criteri di scelta “obiettivi” nell’individuare i dipendenti da licenziare, così come invece impone la legge 223/91.

A seguito il Datore di lavoro aveva licenziato diversi dipendenti tra cui alcuni iscritti alla Flai Cgil tenuti in Cassa integrazione per almeno 3 anni e per i quali già un altro Giudice del tribunale di Velletri era intervenuto dichiarandone la illegittimità della sospensione, il ripristino del rapporto di lavoro, mai avvenuto, e a risarcire il danno cagionato agli stessi, più le spese legali.

Gli iscritti alla Flai Cgil si sono rivolti di nuovo al Sindacato, il quale, consultati i propri avvocati Carlo De Marchis e Chiara Correnti, ha ritenuto opportuno fare impugnare i licenziamenti”.

“In questa prima sentenza – aggiunge Moranti –   si accerta che la società ANTONELLI Industrie Dolciarie Spa nel licenziare il lavoratore Tittozzi Alessandro ha violato i criteri di scelta previsti dall’art 5 della legge 223/9, così annullando il licenziamento e ordinando il reintegro su posto di lavoro secondo l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, più la retribuzione mensile di fatto dal giorno del licenziamento all’effettiva reintegra.

La sentenza del Tribunale di lavoro di Velletri datata 26 maggio 2015, – conclude Moranti – restituisce dignità al lavoratore dimostrando la grande importanza dell’art. 18 della L.300/70 nei licenziamenti collettivi, quale deterrente a limitare, se non a impedire, il libero arbitrio datoriale nello stabilire il peso ai criteri previsti dalla legge. Ora aspettiamo le sentenze degli altri lavoratori previste per ottobre prossimo”.